Skip to content

Sono Paolo Miano, nato a Siracusa in terra di Sicilia. 

Con il diploma in Perito Chimico mi trasferisco a Milano per gli studi di Scienze Politiche. Abbandono l’università e inizio a viaggiare alla ricerca di qualcosa. 

Vivo a Londra, Saint Barth, Catania, Torino, dove frequento la Scuola Holden e finisco un master in “Struttura e tecnica della narrazione”.

Nel ’96 mi trovo a Firenze, conosco Francesco Grasso, padre di Tommaso. Non rimango a lungo, e nel ’99 riparto, per poi tornare dopo qualche anno.

Eredito l’amore per la Toscana e il vino dal nonno materno originario di Bucine in provincia di Arezzo. Questo amore mi porta nel mondo dalla ristorazione. 

Dopo un continuo pellegrinare, agli inizi degli anni 2000 torno a Firenze e mi innamoro di questa città. 

Inizio il mio lavoro al Golden View nell’anno della sua apertura, era il 2002. 

Nel 2009 mi trasferisco a Siracusa, partecipo all’apertura di un ristorante, ma ben presto mi rendo conto di sentire la mancanza del Brunello e, nel 2010 decido di tornare a Firenze nel mondo del Golden View. 

Da allora mi occupo della cantina, della carta dei vini, degli eventi interni e esterni al ristorante.

Mi definisco un “Sommelier narratore”; amo raccontare con passione quello che si mangia e quello che si beve.

Dicono che sia lunatico e confusionario. “Doti” che non rinnego!